Perdono e giustizia

“Gliele perdona tutte!” Quante volte abbiamo udito e forse detto questa piccola frase. Poche cose indignano più gli esseri umani che il perdono, tranne quando siamo noi colui che perdona, nel qual caso il compiacimento per la propria magnanimità spesso vince su ogni altro sentimento. Anche l’essere perdonato non è una situazione così desiderabile, di frequente lascia una sensazione di disagio frammista alla sgradevole impressione di dovere una riconoscenza che si preferirebbe evitare. Agli esseri umani non piace essere perdonati, a meno che questo perdono si accompagni ad una promessa di impunità futura: “Contessa, perdono!” implora il Conte di Almaviva nelle Nozze di Figaro, ma tutti sappia

CHE COS'E' UNA PERSONA?

Uno dei principali problemi di tutta la storia della filosofia occidentale è stata la definizione del termine “persona”. L’ etimo del termine non è sicuro, anche se la maggior parte degli autori lo fanno risalire dall’ etrusco phersu (maschera) da cui il latino persona. Il termine è introdotto nel diritto romano per indicare l’individuo in quanto soggetto di relazioni. A seconda del tipo di relazioni considerate il termine persona acquisterà peculiari connotati, ad es: p.giuridica, persona intesa come soggetto di inesione di diritti e doveri sanciti dalla norma; p.in senso teologico la persona considerata nel suo rapporto con la divinità, innanzitutto nel mistero trinitario. La definizi

Via Antonio Altan 47 - 33078 San Vito al Tagliamento