top of page
  • Immagine del redattoreEmilio Mordini

DA DOVE VENIAMO? CHI SIAMO? DOVE ANDIAMO?

Aggiornamento: 15 nov 2023


𝗗𝗼 đ—±đ—Œđ˜ƒđ—Č 𝘃đ—Čđ—»đ—¶đ—źđ—șđ—Œ? đ—–đ—”đ—¶ đ˜€đ—¶đ—źđ—șđ—Œ? đ——đ—Œđ˜ƒđ—Č đ—źđ—»đ—±đ—¶đ—źđ—șđ—Œ? (đ™’đ™€đ™đ™šđ™§ đ™ đ™€đ™ąđ™ąđ™šđ™Ł 𝙬𝙞𝙧 𝙒𝙚𝙧 𝙹𝙞𝙣𝙙 𝙬𝙞𝙧 đ™’đ™€đ™đ™žđ™Ł 𝙜𝙚𝙝𝙚𝙣 𝙬𝙞𝙧) đ—Č̀ đ—¶đ—č đ˜đ—¶đ˜đ—Œđ—čđ—Œ đ—±đ—¶ đ˜‚đ—» đ—±đ—¶đ—œđ—¶đ—»đ˜đ—Œ đ—±đ—¶ 𝗣𝗼𝘂đ—č đ—šđ—źđ˜‚đ—Žđ˜‚đ—¶đ—», 𝗿đ—Č𝗼đ—čđ—¶đ˜‡đ˜‡đ—źđ˜đ—Œ đ—œđ—Œđ—°đ—Œ đ—œđ—żđ—¶đ—ș𝗼 đ—±đ—Čđ—č đ˜€đ˜‚đ—Œ 𝘁đ—Čđ—»đ˜đ—źđ˜đ—¶đ˜ƒđ—Œ đ—±đ—¶ đ˜€đ˜‚đ—¶đ—°đ—¶đ—±đ—¶đ—Œ, đ—»đ—Čđ—č đŸ­đŸŽđŸ”đŸł. Si tratta di domande quanto mai lecite oggi, dopo due anni e mezzo di pandemia, gravi restrizioni dei diritti fondamentali, una guerra in corso, una crisi economica incombente, uno svuotamento progressivo dei sistemi politici “democratici”.

đ—Šđ—źđ—żđ—źÌ€ đ—œđ—Č𝗿 đ—łđ—Œđ—żđ˜‡đ—ź đ—±đ—¶ đ—°đ—Œđ˜€đ—Č đ˜‚đ—» đ—±đ—¶đ˜€đ—°đ—Œđ—żđ˜€đ—Œ đ—čđ˜‚đ—»đ—Žđ—Œ đ—Č đ—»đ—Œđ—» đ—łđ—źđ—°đ—¶đ—čđ—Č: prometto sin d’ora un calice di Ribolla Gialla o Refosco (a seconda delle preferenze) a chi, nonostante caldo e vacanze, deciderĂ  lo stesso di provare a leggerlo.


𝗜𝗗𝗘𝗡𝗧𝗜𝗧𝗔’ 𝗗𝗜 đ—šđ—˜đ—Ąđ—˜đ—„đ—˜ 𝗘 đ—Łđ—˜đ—„đ—Šđ—ąđ—Ąđ—”đ—Ÿđ—˜ 𝗣𝗿đ—Čđ—»đ—±đ—Čđ—żđ—ŒÌ€ đ—čđ—Č đ—șđ—Œđ˜€đ˜€đ—Č đ—żđ—¶đ—źđ˜€đ˜€đ˜‚đ—șđ—Čđ—»đ—±đ—Œ 𝗼đ—čđ—°đ˜‚đ—»đ—¶ đ—źđ—żđ˜đ—¶đ—°đ—Œđ—čđ—¶ đ—°đ—”đ—Č đ—”đ—Œ đ—œđ˜‚đ—Żđ—Żđ—čđ—¶đ—°đ—źđ˜đ—Œ 𝘀𝘂đ—čđ—čđ—Č 𝘁đ—Čđ—Œđ—żđ—¶đ—Č đ—±đ—Čđ—č 𝗮đ—Čđ—»đ—±đ—Č𝗿 đ—Č 𝘀𝘂đ—č đ—±đ—Čđ˜€đ—¶đ—±đ—Čđ—żđ—¶đ—Œ 𝘀đ—Č𝘀𝘀𝘂𝗼đ—čđ—Č. 𝗟𝗼 đ—żđ—źđ—Žđ—¶đ—Œđ—»đ—Č đ˜€đ—¶ đ—°đ—”đ—¶đ—źđ—żđ—¶đ—żđ—źÌ€ đ˜€đ˜đ—żđ—źđ—±đ—ź 𝗳𝗼𝗰đ—Čđ—»đ—±đ—Œ. Funzione essenziale di tutta la materia vivente Ăš riprodursi. Ci sono molte forme di riproduzione: gli esseri umani sono bisessuali stabili: la riproduzione si realizza attraverso la fusione di due tipi di cellule, dette gameti. Ogni individuo – maschio o femmina - Ăš portatore per tutta la vita di un solo tipo di gamete. Non esistono altri generi o forme intermedie. Androgeni ed ermafroditi sono fantasie mitologiche, oppure un modo per indicare rare malformazioni che riguardano individui che restano, comunque, geneticamente femmine o maschi.

đ—Ÿâ€™đ—¶đ—±đ—Čđ—»đ˜đ—¶đ˜đ—źÌ€ đ—±đ—¶ 𝗮đ—Čđ—»đ—Č𝗿đ—Č đ—Č̀ đ˜‚đ—»đ—ź đ—°đ—Œđ—șđ—œđ—Œđ—»đ—Čđ—»đ˜đ—Č đ—±đ—Čđ—čđ—čâ€™â€œđ—¶đ—±đ—Čđ—»đ˜đ—¶đ˜đ—źÌ€ đ—œđ—Čđ—żđ˜€đ—Œđ—»đ—źđ—čđ—Č”; đ—°đ—Œđ—» đ—Ÿđ˜‚đ—Čđ˜€đ˜đ—Œ 𝘁đ—Č𝗿đ—șđ—¶đ—»đ—Č đ—°đ—¶ đ˜€đ—¶ đ—żđ—¶đ—łđ—Čđ—żđ—¶đ˜€đ—°đ—Č 𝗼đ—č đ—°đ—Œđ—șđ—Č đ˜‚đ—»đ—ź đ—œđ—Čđ—żđ˜€đ—Œđ—»đ—ź đ—œđ—Œđ˜€đ˜€đ—ź đ—żđ—¶đ—șđ—źđ—»đ—Č𝗿đ—Č 𝘀đ—Č́ 𝘀𝘁đ—Č𝘀𝘀𝗼, pur attraverso i cambiamenti fisici, psichici, esistenziali cui va incontro nell’arco della propria esistenza. L’identitĂ  personale si fonda su caratteristiche che devono essere stabili a sufficienza per assicurare una qualche continuitĂ  dalla nascita alla morte. Ce ne sono almeno tre: specie, genere e cultura. Noi tutti apparteniamo alla specie umana; siamo geneticamente maschi o femmine; siamo nati in una data cultura ed epoca.


𝗹𝗡𝗜𝗖𝗜𝗧𝗔’ 𝗹𝗠𝗔𝗡𝗔 đ—–đ—¶đ—źđ˜€đ—°đ˜‚đ—»đ—Œ đ—±đ—¶ đ—»đ—Œđ—¶ đ—”đ—ź đ—œđ—Œđ—¶ đ—źđ—»đ—°đ—”đ—Č đ—č𝗼 đ—œđ—żđ—Œđ—œđ—żđ—¶đ—ź đ˜‚đ—»đ—¶đ—°đ—¶đ˜đ—źÌ€, đ—°đ—”đ—Č đ—Œđ—żđ—¶đ—Žđ—¶đ—»đ—ź đ—±đ—źđ—čđ—čâ€™đ—¶đ—»đ˜€đ—¶đ—Čđ—șđ—Č đ—±đ—Čđ—čđ—čđ—Č 𝗿đ—Čđ—čđ—źđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—Żđ—¶đ—Œđ—čđ—Œđ—Žđ—¶đ—°đ—”đ—Č đ—Č 𝗰𝘂đ—č𝘁𝘂𝗿𝗼đ—čđ—¶ đ—°đ—”đ—Č đ—čđ—Œ đ—”đ—źđ—»đ—»đ—Œ đ—łđ—Œđ—żđ—șđ—źđ˜đ—Œ đ—Č đ—°đ—Œđ—»đ˜đ—¶đ—»đ˜‚đ—źđ—»đ—Œ 𝗼 đ—œđ—č𝗼𝘀đ—ș𝗼𝗿đ—čđ—Œ. L’essere vivente Ăš, nella sua struttura piĂč profonda, relazionale. Immaginate un grafo a forma di sfera: ciascuno di noi Ăš il nodo (o vertice) di un numero di archi (collegamenti) tra altri nodi del grafo. Il nodo esiste? Certo. Esisterebbe perĂČ se non ci fossero gli archi? No. Archi e vertici - individui e relazioni - sono termini per indicare la stessa realtĂ : non sono pensabili indipendentemente gli uni dagli altri. Ogni individuo emerge come nodo da un numero pressochĂ© infinito di relazioni tra altri nodi del grafo, i quali sono, a loro volta, punto di incontro di altre relazioni tra altri nodi, e cosĂŹ via, indietro nel passato e avanti del futuro.

đ—œđ—» đ—±đ—Čđ—łđ—¶đ—»đ—¶đ˜đ—¶đ˜ƒđ—ź, đ—Œđ—Žđ—»đ—¶ đ—Č𝘀𝘀đ—Č𝗿đ—Č 𝘂đ—șđ—źđ—»đ—Œ đ—Č̀ đ—œđ—żđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ˜€đ—Œ, đ˜‚đ—»đ—¶đ—°đ—Œ, đ—¶đ—żđ—żđ—¶đ—œđ—Čđ˜đ—¶đ—Żđ—¶đ—čđ—Č đ—»đ—Œđ—» đ—œđ—Čđ—żđ—°đ—”đ—Č́ đ—œđ—Œđ˜€đ˜€đ—Č𝗮𝗮𝗼 đ˜‚đ—»đ—ź đ—żđ—źđ—±đ—¶đ—°đ—źđ—čđ—Č đ˜€đ—¶đ—»đ—Žđ—Œđ—čđ—źđ—żđ—¶đ˜đ—źÌ€, 𝗼đ—č đ—°đ—Œđ—»đ˜đ—żđ—źđ—żđ—¶đ—Œ perchĂ© ricapitola in sĂ©, ciascuno dalla propria particolarissima prospettiva, l’intera umanitĂ . Ognuno di noi Ăš – per citare Pascal – il centro di una sfera il cui raggio Ăš infinito e la circonferenza da nessuna parte.


đ—„đ—˜đ—”đ—Ÿđ—§đ—”â€™ đ—ąđ—Žđ—»đ—¶ đ—¶đ—»đ—±đ—¶đ˜ƒđ—¶đ—±đ˜‚đ—Œ – đ—Ÿđ˜‚đ—¶đ—»đ—±đ—¶ - đ—”đ—ź đ˜‚đ—»đ—ź 𝘀𝘂𝗼 𝗿đ—Č𝗼đ—čđ˜đ—źÌ€ đ˜€đ˜đ—źđ—Żđ—¶đ—čđ—Č: đ—Żđ—¶đ—Œđ—čđ—Œđ—Žđ—¶đ—°đ—ź (đ˜€đ—œđ—Čđ—°đ—¶đ—Č đ—Č 𝗮đ—Čđ—»đ—Č𝗿đ—Č) đ—Č 𝗰𝘂đ—č𝘁𝘂𝗿𝗼đ—čđ—Č (đ—Čđ—œđ—Œđ—°đ—ź đ—Č đ˜€đ—Œđ—°đ—¶đ—Čđ˜đ—źÌ€). Su questa roccia, scorre un fiume di sensazioni, memorie, fantasie, emozioni, identificazioni. La nostra mente Ăš un palcoscenico dove noi recitiamo tutti i ruoli, non solo quando sogniamo, ma anche, sottotraccia, durante la veglia.

đ—€đ˜‚đ—Čđ˜€đ˜đ—Œ đ—°đ—Œđ—»đ˜đ—¶đ—»đ˜‚đ—Œ 𝗳đ—čđ˜‚đ˜€đ˜€đ—Œ đ—±đ—¶ đ—œđ—Čđ—»đ˜€đ—¶đ—Čđ—żđ—¶ đ—Č đ—±đ—Čđ˜€đ—¶đ—±đ—Čđ—żđ—¶ đ—œđ—Č𝗿đ—șđ—Č𝘁𝘁đ—Č đ˜‚đ—» đ—»đ˜‚đ—șđ—Čđ—żđ—Œ đ—œđ—żđ—Čđ˜€đ˜€đ—Œđ—°đ—”đ—Č́ đ—¶đ—»đ—łđ—¶đ—»đ—¶đ˜đ—Œ đ—±đ—¶ đ—¶đ—±đ—Čđ—»đ˜đ—¶đ—łđ—¶đ—°đ—źđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶: đ—°đ—¶ đ˜€đ—¶ đ—œđ˜‚đ—ŒÌ€ đ—¶đ—±đ—Čđ—»đ˜đ—¶đ—łđ—¶đ—°đ—źđ—żđ—Č đ—°đ—Œđ—» đ˜‚đ—» đ—źđ—»đ—¶đ—ș𝗼đ—čđ—Č đ—±đ—¶ đ˜€đ—œđ—Čđ—°đ—¶đ—Č đ—±đ—¶đ˜ƒđ—Č𝗿𝘀𝗼 (đ˜€đ—¶ đ—œđ—Čđ—»đ˜€đ—¶ 𝗼𝗮đ—čđ—¶ đ˜€đ—°đ—¶đ—źđ—șđ—źđ—»đ—¶); con il genere opposto al proprio (tutte le forme di transessualismo); con un individuo di un’altra epoca e cultura (come nel caso di alcuni deliri). Si potrĂ  pensare a sĂ© come un uomo che sogna di essere una farfalla che a sua volta sogna di essere un uomo; un maschio che si sente una femmina che immagina di essere maschio; un greco che pensa di essere un barbaro che crede di essere greco. Siamo specchi che si specchiano in altri specchi, in un gioco senza fine che AndrĂ© Gide chiamĂČ đ˜źđ˜Ș𝘮𝘩-𝘩𝘯-𝘱𝘣đ˜ș𝘼𝘩, “messa in abisso”.

đ—§đ˜‚đ˜đ˜đ—źđ˜ƒđ—¶đ—ź, đ—°đ—¶đ—źđ˜€đ—°đ˜‚đ—»đ—Œ đ—±đ—¶ đ—»đ—Œđ—¶ đ˜€đ—¶ đ—œđ˜‚đ—ŒÌ€ đ—żđ—źđ—œđ—œđ—żđ—Č𝘀đ—Čđ—»đ˜đ—źđ—żđ—Č đ—¶đ—» đ—șđ—¶đ—čđ—čđ—Č đ—șđ—Œđ—±đ—¶ đ˜€đ—Œđ—čđ—Œ đ—œđ—Čđ—żđ—°đ—”đ—Č́ đ—œđ—Œđ—Žđ—Žđ—¶đ—ź 𝘀𝘂 đ˜‚đ—»đ—ź đ˜€đ—Œđ—čđ—¶đ—±đ—ź 𝗯𝗼𝘀đ—Č, 𝗼đ—čđ˜đ—żđ—¶đ—șđ—Čđ—»đ˜đ—¶ đ˜€đ—¶ đ—œđ—Čđ—żđ—±đ—Č𝗿đ—Č𝗯𝗯đ—Č đ—¶đ—» đ—Ÿđ˜‚đ—Čđ˜€đ˜đ—Œ đ—čđ—źđ—Żđ—¶đ—żđ—¶đ—»đ˜đ—Œ. Guai allo sciamano che resta lupo per sempre; alla drag queen che scorda di essere stata maschio; al barbaro che si illude di essere nato ad Atene. Sono destinati a finire come Moammed Sceab “𝘋đ˜Șđ˜Žđ˜€đ˜Šđ˜Żđ˜„đ˜Šđ˜Żđ˜”đ˜Š/ đ˜„đ˜Ș 𝘩𝘼đ˜Ș𝘳đ˜Ș đ˜„đ˜Ș đ˜Żđ˜°đ˜źđ˜ąđ˜„đ˜Ș/ đ˜Žđ˜¶đ˜Șđ˜€đ˜Șđ˜„đ˜ą/ đ˜±đ˜Šđ˜łđ˜€đ˜©đ˜ŠÌ 𝘯𝘰𝘯 đ˜ąđ˜·đ˜Šđ˜·đ˜ą đ˜±đ˜Șđ˜¶Ì€/ đ˜—đ˜ąđ˜”đ˜łđ˜Ș𝘱/ đ˜ˆđ˜źđ˜°Ì€ 𝘭𝘱 đ˜đ˜łđ˜ąđ˜Żđ˜€đ˜Ș𝘱/ 𝘩 đ˜źđ˜¶đ˜”đ˜°Ì€ 𝘯𝘰𝘼𝘩 / đ˜đ˜¶ đ˜”đ˜ąđ˜łđ˜€đ˜Šđ˜­/ 𝘼𝘱 𝘯𝘰𝘯 𝘩𝘳𝘱 đ˜đ˜łđ˜ąđ˜Żđ˜€đ˜Šđ˜Žđ˜Šâ€ (Giuseppe Ungaretti, 𝘐𝘯 𝘼𝘩𝘼𝘰𝘳đ˜Ș𝘱, 1916).


𝗣𝗹𝗟𝗩𝗜𝗱𝗡𝗘 𝗩𝗘𝗩𝗩𝗹𝗔𝗟𝗘 𝗟𝗼 đ—żđ—¶đ—œđ—żđ—Œđ—±đ˜‚đ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—Č đ—Żđ—¶đ˜€đ—Č𝘀𝘀𝘂𝗼đ—čđ—Č, đ—°đ—Œđ—șđ˜‚đ—»đ—Č 𝘁𝗿𝗼 đ˜đ˜‚đ˜đ˜đ—¶ đ—¶ đ—ș𝗼đ—șđ—șđ—¶đ—łđ—Čđ—żđ—¶ đ—Č 𝗮đ—čđ—¶ đ—Č𝘀𝘀đ—Čđ—żđ—¶ 𝘂đ—șđ—źđ—»đ—¶, đ˜€đ—œđ—¶đ—Č𝗮𝗼 đ—č𝗼 đ—±đ—¶đ—łđ—łđ—Č𝗿đ—Čđ—»đ˜‡đ—ź 𝘁𝗿𝗼 đ—șđ—źđ˜€đ—°đ—”đ—¶ đ—Č 𝗳đ—Čđ—șđ—șđ—¶đ—»đ—Č; đ—Ÿđ˜‚đ—Č𝘀𝘁𝗼 đ—±đ—¶đ—łđ—łđ—Č𝗿đ—Čđ—»đ˜‡đ—ź đ—°đ—Œđ—»đ˜đ—żđ—¶đ—Żđ˜‚đ—¶đ˜€đ—°đ—Č 𝗼 đ—łđ—Œđ—żđ—ș𝗼𝗿đ—Č đ—čâ€™đ—¶đ—±đ—Čđ—»đ˜đ—¶đ˜đ—źÌ€ đ—œđ—Čđ—żđ˜€đ—Œđ—»đ—źđ—čđ—Č đ—±đ—¶ đ—°đ—¶đ—źđ˜€đ—°đ˜‚đ—»đ—Œ; a sua volta, l’identitĂ  personale si fonda su elementi stabili e su un flusso continuo e mutevole di sensazioni, memorie, fantasie che la rendono unica. Ma su cosa si fonda la riproduzione?

𝗚đ—čđ—¶ đ—Č𝘀𝘀đ—Čđ—żđ—¶ 𝘂đ—șđ—źđ—»đ—¶ đ˜€đ—Œđ—»đ—Œ đ˜€đ—œđ—¶đ—»đ˜đ—¶ 𝗼đ—čđ—č𝗼 đ—żđ—¶đ—œđ—żđ—Œđ—±đ˜‚đ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—Č đ—±đ—ź đ˜‚đ—» đ—±đ—Čđ˜€đ—¶đ—±đ—Čđ—żđ—¶đ—Œ đ—±đ—Čđ˜đ˜đ—Œ “𝘀đ—Č𝘀𝘀𝘂𝗼đ—čđ—Č”. đ—Šđ—¶đ—Žđ—șđ˜‚đ—»đ—± 𝗙𝗿đ—Čđ˜‚đ—± đ—°đ—”đ—¶đ—źđ—șđ—ŒÌ€ đ—Ÿđ˜‚đ—Čđ˜€đ˜đ—Œ đ—±đ—Čđ˜€đ—¶đ—±đ—Čđ—żđ—¶đ—Œ â€œđ—œđ˜‚đ—čđ˜€đ—¶đ—Œđ—»đ—Č” (đ™©đ™§đ™žđ™šđ™—). La pulsione Ăš un “dirigersi verso” un oggetto (un'altra persona, una fantasia, persino sĂ© stessi), con lo scopo di raggiungere un soddisfacimento e calmare una tensione interna, che puĂČ originare da varie parti del corpo.

𝗟𝗼 đ—œđ˜‚đ—čđ˜€đ—¶đ—Œđ—»đ—Č 𝘀đ—Č𝘀𝘀𝘂𝗼đ—čđ—Č đ—»đ—Œđ—» đ—”đ—ź đ—żđ—źđ—œđ—œđ—Œđ—żđ˜đ—Œ đ—Œđ—Żđ—Żđ—čđ—¶đ—Žđ—źđ˜đ—Œ đ—°đ—Œđ—» đ—č𝗼 đ—żđ—¶đ—œđ—żđ—Œđ—±đ˜‚đ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—Č (đ—źđ—»đ—°đ—”đ—Č 𝘀đ—Č đ—Č̀ đ—č𝗼 đ˜€đ—œđ—¶đ—»đ˜đ—ź đ—°đ—”đ—Č đ—č𝗼 đ—șđ˜‚đ—Œđ˜ƒđ—Č). đ—œđ—±đ—Čđ—»đ˜đ—¶đ˜đ—źÌ€ đ—±đ—¶ 𝗮đ—Čđ—»đ—Č𝗿đ—Č đ—Č 𝘀𝗰đ—Čđ—č𝘁𝗼 đ—±đ—Čđ—čđ—čâ€™đ—Œđ—Žđ—Žđ—Čđ˜đ˜đ—Œ 𝘀đ—Č𝘀𝘀𝘂𝗼đ—čđ—Č đ˜€đ—Œđ—»đ—Œ đ—°đ—Œđ—čđ—čđ—Č𝗮𝗼𝘁đ—Č đ—ș𝗼 đ—¶đ—»đ—±đ—¶đ—œđ—Čđ—»đ—±đ—Čđ—»đ˜đ—¶. Maschi e femmine hanno modi diversi - in parte radicati nella biologia, in parte in norme sociali - di percepire e soddisfare il desiderio sessuale. Ogni societĂ , epoca e cultura ha regole esplicite e implicite che riguardano l’esercizio della sessualitĂ . Alcune societĂ  hanno norme piĂč rigorose, altre meno, ma non Ăš mai esistita una comunitĂ  umana che non regolamentasse la vita sessuale.


đ—˜đ—„đ—ąđ—Š 𝗘 đ—”đ— đ—ąđ—„đ—˜ 𝗟𝗼 đ—œđ˜‚đ—čđ˜€đ—¶đ—Œđ—»đ—Č 𝘀đ—Č𝘀𝘀𝘂𝗼đ—čđ—Č đ—łđ—Œđ—»đ—±đ—ź đ—č𝗼 đ—łđ˜‚đ—»đ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—Č đ—żđ—¶đ—œđ—żđ—Œđ—±đ˜‚đ˜đ˜đ—¶đ˜ƒđ—ź, đ—ș𝗼 𝘃𝗼 𝗯đ—Čđ—» 𝗼đ—č đ—±đ—¶ đ—čđ—źÌ€ đ—±đ—Čđ—čđ—č𝗼 đ—żđ—¶đ—œđ—żđ—Œđ—±đ˜‚đ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—Č đ—Č đ—°đ—Œđ—¶đ—»đ˜ƒđ—Œđ—č𝗮đ—Č đ—șđ—Œđ—čđ˜đ—¶ 𝗼đ—čđ˜đ—żđ—¶ đ—źđ˜€đ—œđ—Čđ˜đ˜đ—¶ đ—±đ—Čđ—čđ—č𝗼 đ˜ƒđ—¶đ˜đ—ź. đ—–đ—¶ đ—±đ—Č𝘃đ—Č đ—Ÿđ˜‚đ—¶đ—»đ—±đ—¶ đ—Č𝘀𝘀đ—Č𝗿đ—Č đ˜‚đ—» đ—œđ—żđ—¶đ—»đ—°đ—¶đ—œđ—¶đ—Œ đ˜€đ˜‚đ—œđ—Čđ—żđ—¶đ—Œđ—żđ—Č đ—°đ—”đ—Č đ—č𝗼 đ˜€đ—œđ—¶đ—Čđ—Žđ—”đ—¶. Noi chiamiamo questo principio “amore”, gli antichi greci lo chiamavano “eros” (due parole che hanno esattamente lo stesso significato).

đ—˜đ—żđ—Œđ˜€, đ—Œ 𝗼đ—șđ—Œđ—żđ—Č, đ—Č̀ đ—¶đ—č đ—œđ—żđ—¶đ—»đ—°đ—¶đ—œđ—¶đ—Œ đ—°đ—”đ—Č đ˜€đ—œđ—¶đ—»đ—Žđ—Č đ˜đ˜‚đ˜đ˜đ—Œ đ—°đ—¶đ—ŒÌ€ đ—°đ—”đ—Č đ—Čđ˜€đ—¶đ˜€đ˜đ—Č 𝗼 đ—°đ—Œđ—»đ—»đ—Č𝘁𝘁đ—Čđ—żđ˜€đ—¶, đ—¶đ—č đ—œđ—żđ—¶đ—»đ—°đ—¶đ—œđ—¶đ—Œ đ—°đ—”đ—Č 𝗮đ—Čđ—»đ—Č𝗿𝗼 đ—č𝗼 𝗿đ—Č𝘁đ—Č đ—±đ—¶ 𝗿đ—Čđ—čđ—źđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—¶ đ—±đ—ź đ—°đ˜‚đ—¶ đ˜đ˜‚đ˜đ˜đ—¶ 𝗮đ—čđ—¶ đ—¶đ—»đ—±đ—¶đ˜ƒđ—¶đ—±đ˜‚đ—¶, đ—łđ—Œđ—żđ˜€đ—Č đ—¶đ—č đ—șđ—Œđ—»đ—±đ—Œ, đ—Čđ—șđ—Čđ—żđ—Žđ—Œđ—»đ—Œ. Queste relazioni, essenziali allo sviluppo psicologico e fisico dell’individuo, sono state studiate da psicoanalisti e psicologi sperimentali nel corso degli anni 1950 e 60, dando origine alla teoria detta “dell’attaccamento”. Questa teoria afferma che esiste un bisogno ancora piĂč originario della pulsione sessuale: la necessitĂ , fisica e mentale, di un legame affettuoso e protettivo, tra neonato e chi si prende cura di lui. Questa necessitĂ  non Ăš limitata alle prime fasi dello sviluppo: infatti il legame viene “interiorizzato” dall’adulto e conferisce per tutta la vita una sensazione di autonomia e di “solidità” esistenziale. L’ attaccamento fornisce la base “materiale” alla struttura di relazioni di cui ho parlato: Ăš il corrispettivo biologico degli “archi” che connettono e creano i nodi del grafo.

𝗩𝘂 đ—°đ—Œđ˜€đ—ź đ˜€đ—¶ đ—łđ—Œđ—»đ—±đ—ź đ—œđ—Čđ—żđ—ŒÌ€, 𝗼 𝘀𝘂𝗼 đ˜ƒđ—Œđ—č𝘁𝗼, đ—č’𝗼đ—șđ—Œđ—żđ—Č? 𝗙𝗿đ—Čđ˜‚đ—± đ—Č đ—șđ—Œđ—čđ˜đ—¶ đ˜€đ—°đ—¶đ—Čđ—»đ˜‡đ—¶đ—źđ˜đ—¶, đ—źđ—»đ—°đ—”đ—Č đ—Œđ—±đ—¶đ—Čđ—żđ—»đ—¶, đ—”đ—źđ—»đ—»đ—Œ đ—żđ—¶đ˜€đ—œđ—Œđ˜€đ˜đ—Œ đ—°đ—”đ—Č đ—Č̀ đ˜‚đ—» đ—œđ—żđ—Œđ—±đ—Œđ˜đ˜đ—Œ đ—±đ—Čđ—čđ—č𝗼 𝘀đ—Čđ—čđ—Čđ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—Č đ—»đ—źđ˜đ˜‚đ—żđ—źđ—čđ—Č. La religione greca arcaica, quella ebraica e quella cristiana affermano che l’amore Ăš (un) Dio e non ha quindi bisogno di fondarsi su altro da sĂ©. La potenza di Dio, che crea, dĂ  vita e tiene unito l’universo, coincide con quella dell’amore. L’amore Ăš piĂč forte persino della morte e del denaro perchĂ© “𝘭𝘩 đ˜Žđ˜¶đ˜Š đ˜·đ˜ąđ˜źđ˜±đ˜Š 𝘮𝘰𝘯𝘰 đ˜·đ˜ąđ˜źđ˜±đ˜Š đ˜„đ˜Ș đ˜§đ˜¶đ˜°đ˜€đ˜°, đ˜¶đ˜Żđ˜ą 𝘧đ˜Ș𝘱𝘼𝘼𝘱 đ˜„đ˜Șđ˜·đ˜Ș𝘯𝘱” (Cant 8,6). Ogni potere umano soccombe all’amore diventando altro da sĂ© perchĂ© l'amore impone al potere di non essere piĂč tale (â€œđ˜€đ˜©đ˜Ș đ˜·đ˜¶đ˜°đ˜­ 𝘩𝘮𝘮𝘩𝘳𝘩 đ˜Ș𝘭 đ˜±đ˜łđ˜Ș𝘼𝘰 đ˜”đ˜łđ˜ą đ˜·đ˜°đ˜Ș đ˜Žđ˜ąđ˜łđ˜ąÌ€ đ˜Ș𝘭 đ˜Žđ˜Šđ˜łđ˜·đ˜° đ˜„đ˜Ș đ˜”đ˜¶đ˜”đ˜”đ˜Ș” Mc 14,44). Questo fa sĂŹ che ogni potere umano, sino a che resta volontĂ  di potenza, Ăš costretto a combattere l'amore come il suo peggior nemico. Lo aveva capito Orwell che concluse 1984 nel modo piĂč tragico e disperato: il tradimento tra due amanti.


đ—Ąđ—šđ—ąđ—©đ—” đ—Ąđ—ąđ—„đ— đ—”đ—Ÿđ—œđ—§đ—”Ì€ 𝗟’ đ—źđ—żđ—°đ—”đ—¶đ˜đ—Č𝘁𝘁𝘂𝗿𝗼 đ—¶đ—č đ—°đ˜‚đ—¶ đ—±đ—¶đ˜€đ—Čđ—Žđ—»đ—Œ đ—”đ—Œ đ—źđ—œđ—œđ—Čđ—»đ—ź đ—źđ—Żđ—Żđ—Œđ˜‡đ˜‡đ—źđ˜đ—Œ - đ—±đ—źđ—čđ—č𝗼 đ—żđ—¶đ—œđ—żđ—Œđ—±đ˜‚đ˜‡đ—¶đ—Œđ—»đ—Č 𝗼đ—čđ—č’𝗼đ—șđ—Œđ—żđ—Č – đ—Č̀ đ—Ÿđ˜‚đ—Čđ—čđ—č𝗼 đ—°đ—”đ—Č đ˜€đ—¶ 𝘀𝘁𝗼 𝘀𝗮𝗿đ—Čđ˜đ—Œđ—čđ—źđ—»đ—±đ—Œ đ˜€đ—Œđ˜đ˜đ—Œ đ—č𝗼 đ˜€đ—œđ—¶đ—»đ˜đ—ź đ—±đ—Čđ—čđ—č𝗼 â€œđ—»đ˜‚đ—Œđ˜ƒđ—ź đ—»đ—Œđ—żđ—ș𝗼đ—čđ—¶đ˜đ—źÌ€â€. Il passaggio da cittadino produttore a quello consumatore e infine a quello digitale sta comportando una drammatica rivoluzione antropologica.


đ—Šđ—°đ—żđ—¶đ˜ƒđ—Č𝘃𝗼 đ—Łđ—źđ˜€đ—Œđ—čđ—¶đ—»đ—¶ đ—»đ—Čđ—čđ—č𝗼 𝘀𝘂𝗼 𝘂đ—čđ˜đ—¶đ—ș𝗼 đ—¶đ—»đ˜đ—Čđ—żđ˜ƒđ—¶đ˜€đ˜đ—ź đ—±đ—Čđ—č 𝟭° đ—»đ—Œđ˜ƒđ—Čđ—ș𝗯𝗿đ—Č đŸ­đŸ”đŸłđŸ±: “𝘓𝘱 đ˜”đ˜łđ˜ąđ˜šđ˜Šđ˜„đ˜Ș𝘱 đ˜ŠÌ€ đ˜€đ˜©đ˜Š 𝘯𝘰𝘯 đ˜€đ˜Ș 𝘮𝘰𝘯𝘰 đ˜±đ˜Șđ˜¶Ì€ 𝘩𝘮𝘮𝘩𝘳đ˜Ș đ˜¶đ˜źđ˜ąđ˜Żđ˜Ș, đ˜€đ˜Ș 𝘮𝘰𝘯𝘰 đ˜Žđ˜”đ˜łđ˜ąđ˜Żđ˜Š đ˜źđ˜ąđ˜€đ˜€đ˜©đ˜Ș𝘯𝘩 đ˜€đ˜©đ˜Š đ˜Žđ˜Łđ˜ąđ˜”đ˜”đ˜°đ˜Żđ˜° đ˜­â€™đ˜¶đ˜Żđ˜ą đ˜€đ˜°đ˜Żđ˜”đ˜łđ˜° đ˜­â€™đ˜ąđ˜­đ˜”đ˜łđ˜ą (
) 𝘝𝘰𝘹𝘭đ˜Ș𝘰 đ˜„đ˜Ș𝘳𝘩 đ˜§đ˜¶đ˜°đ˜łđ˜Ș đ˜„đ˜ąđ˜Ș đ˜„đ˜Šđ˜Żđ˜”đ˜Ș: đ˜Ș𝘰 đ˜Žđ˜€đ˜Šđ˜Żđ˜„đ˜° 𝘱𝘭𝘭’đ˜Ș𝘯𝘧𝘩𝘳𝘯𝘰 𝘩 𝘮𝘰 đ˜€đ˜°đ˜Žđ˜Š đ˜€đ˜©đ˜Š 𝘯𝘰𝘯 đ˜„đ˜Șđ˜Žđ˜”đ˜¶đ˜łđ˜Łđ˜ąđ˜Żđ˜° 𝘭𝘱 đ˜±đ˜ąđ˜€đ˜Š đ˜„đ˜Ș đ˜ąđ˜­đ˜”đ˜łđ˜Ș. 𝘔𝘱 đ˜Žđ˜”đ˜ąđ˜”đ˜Š đ˜ąđ˜”đ˜”đ˜Šđ˜Żđ˜”đ˜Ș. 𝘓’đ˜Ș𝘯𝘧𝘩𝘳𝘯𝘰 đ˜Žđ˜”đ˜ą đ˜Žđ˜ąđ˜­đ˜Šđ˜Żđ˜„đ˜° đ˜„đ˜ą đ˜·đ˜°đ˜Ș”. Pasolini raffigurĂČ questo inferno in â€œđ˜šđ˜ąđ˜­đ˜°Ì€ 𝘰 𝘭𝘩 120 𝘹đ˜Șđ˜°đ˜łđ˜Żđ˜ąđ˜”đ˜Š đ˜„đ˜Ș đ˜šđ˜°đ˜„đ˜°đ˜źđ˜ąâ€, che resta, a mio avviso, uno dei suoi film piĂč belli. Un’opera straordinaria che rappresenta l’anarchia del potere per ciĂČ che Ăš nella sua essenza: tentativo estremo di estirpare l’amore. La rivoluzione antropologica che sta fondando la nuova normalitĂ  ha proprio questo obiettivo e si sta sviluppando attraverso tre, distinte ma interconnesse, linee.

𝗟𝗼 đ—œđ—żđ—¶đ—ș𝗼 đ—żđ—¶đ—Žđ˜‚đ—źđ—żđ—±đ—ź đ—čđ—Č đ—¶đ—±đ—Čđ—»đ˜đ—¶đ˜đ—źÌ€ đ—¶đ—»đ—±đ—¶đ˜ƒđ—¶đ—±đ˜‚đ—źđ—čđ—¶, đ—°đ—”đ—Č đ˜€đ—¶ đ—±đ—Čđ˜ƒđ—Œđ—»đ—Œ đ—¶đ—»đ—±đ—Čđ—Żđ—Œđ—čđ—¶đ—żđ—Č, đ—œđ—Č𝗿 𝗰𝗿đ—Č𝗼𝗿đ—Č đ—¶đ—č đ—œđ—Č𝗿𝗳đ—Čđ˜đ˜đ—Œ đ—°đ—Œđ—»đ˜€đ˜‚đ—șđ—źđ˜đ—Œđ—żđ—Č 𝗮đ—čđ—Œđ—Żđ—źđ—čđ—Č, ma che si devono anche moltiplicare per generare sempre nuove nicchie di mercato. Due capisaldi dell’identitĂ  personale sono genere e cultura. Oggi c’ù un tentativo di convincere le persone che l’identitĂ  “binaria” sia una gabbia, che libertĂ  e felicitĂ  risiedano nelle identitĂ  “arcobaleno”, nella poliedricitĂ  dei sogni, che potranno sempre essere trasformati in realtĂ  dalla tecnologia. Per ottenere questo risultato si sono dovute contrabbandare situazioni di vero disagio mentale in semplice “diversità”, meritevole di protezione e legittimazione sociale. Nello stesso tempo Ăš continuata la demolizione delle identitĂ  culturali. L’omologazione di cui parlava Pasolini aveva come obiettivo la cultura contadina e le culture locali. L’omologazione degli ultimi decenni si Ăš spinta ben oltre: ha operato direttamente sul mondo della cultura. La formazione scolastica letteraria, artistica e umanistica, non strettamente tecnica, Ăš stata ovunque marginalizzata o eliminata. La â€œđ˜€đ˜ąđ˜Żđ˜€đ˜Šđ˜­ đ˜€đ˜¶đ˜­đ˜”đ˜¶đ˜łe” - e tutti i movimenti ad essa analoghi- stanno procedendo alla sistematica đ˜„đ˜ąđ˜źđ˜Żđ˜ąđ˜”đ˜Ș𝘰 𝘼𝘩𝘼𝘰𝘳đ˜Ș𝘱𝘩 della civiltĂ  occidentale, in particolare, delle sue radici greco-cristiane.

𝗟𝗼 𝘀đ—Čđ—°đ—Œđ—»đ—±đ—ź đ—żđ—¶đ—Žđ˜‚đ—źđ—żđ—±đ—ź đ—¶ đ—°đ—Œđ—żđ—œđ—¶ đ—Č đ—č𝗼 𝘀đ—Č𝘀𝘀𝘂𝗼đ—čđ—¶đ˜đ—źÌ€. 𝗗𝗼 đ˜‚đ—» đ—čđ—źđ˜đ—Œ, đ—șđ—źđ—¶ đ—»đ—Č𝗮đ—čđ—¶ 𝘂đ—čđ˜đ—¶đ—șđ—¶ 𝘀đ—Čđ—°đ—Œđ—čđ—¶ đ˜€đ—¶ đ—Č̀ đ—œđ—źđ—żđ—čđ—źđ˜đ—Œ đ—°đ—Œđ˜€đ—¶Ì€ đ˜đ—źđ—»đ˜đ—Œ, đ—¶đ—» đ—șđ—Œđ—±đ—Œ đ—°đ—Œđ˜€đ—¶Ì€ đ˜€đ—œđ˜‚đ—±đ—Œđ—żđ—źđ˜đ—Œ, đ—±đ—¶ 𝘀đ—Čđ˜€đ˜€đ—Œ đ—Č đ—čđ—Œ đ˜€đ—¶ đ—Č̀ 𝗿đ—Čđ˜€đ—Œ đ—œđ˜‚đ—Żđ—Żđ—čđ—¶đ—°đ—Œ đ—œđ—Čđ—żđ˜€đ—¶đ—»đ—Œ đ—»đ—Čđ—¶ đ˜€đ˜‚đ—Œđ—¶ đ—±đ—Č𝘁𝘁𝗼𝗮đ—čđ—¶ đ—œđ—¶đ˜‚Ì€ đ—¶đ—»đ˜đ—¶đ—șđ—¶; la pornografia Ăš una delle merci piĂč diffuse, a prezzo piĂč basso, o addirittura regalata. D’altro lato la nostra Ăš anche l’epoca del distanziamento sociale, del 𝘯𝘰𝘭đ˜Ș 𝘼𝘩 đ˜”đ˜ąđ˜Żđ˜šđ˜Šđ˜łđ˜Š, dei volti coperti dalle mascherine, del crescente neopuritanesimo di movimenti come “𝘔𝘩 đ˜”đ˜°đ˜°â€ e contro la discriminazione di genere. In realtĂ , stiamo assistendo a una progressiva smaterializzazione dei corpi e della sessualitĂ . È un processo che fa parte della smaterializzazione di tutti i rapporti sociali, lavorativi ed economici. È necessario – perchĂ© si realizzi il sogno dell’economia digitale – che il mondo “reale” sia completamente sostituito da un mondo virtuale: đ˜©đ˜°đ˜źđ˜Š 𝘾𝘰𝘳𝘬đ˜Ș𝘯𝘹, transazioni immateriali, denaro elettronico, telemedicina, finanziarizzazione dei mercati e, infine, chat erotiche e pornografia online.

𝗟𝗼 𝘁đ—Č𝗿𝘇𝗼, đ—č𝗼 đ—œđ—¶đ˜‚Ì€ đ—¶đ—»đ—łđ—¶đ—±đ—ź đ—Č đ—œđ—Čđ—żđ—¶đ—°đ—Œđ—čđ—Œđ˜€đ—ź, đ—żđ—¶đ—Žđ˜‚đ—źđ—żđ—±đ—ź đ—±đ—¶đ—żđ—Č𝘁𝘁𝗼đ—șđ—Čđ—»đ˜đ—Č đ—č’𝗼đ—șđ—Œđ—żđ—Č đ—Č đ—č𝗼 𝗯đ—Čđ—čđ—čđ—Č𝘇𝘇𝗼. In tanti hanno osservato che la pandemia non ha affatto migliorato le persone, come all’inizio si diceva, ma che invece sono aumentati odi, rancori, invidie, reciproche aggressivitĂ  e che questa situazione si Ăš in qualche modo prolungata con la guerra in Ucraina. GiĂ  l'omologazione delle identitĂ  e la smaterializzazione della sessualitĂ  sarebbero sufficienti a spiegare l’aumento complessivo di rabbia e aggressivitĂ  tra le persone. La perdita di elementi identitari “stabili”, come genere e cultura, non rende affatto piĂč liberi ma lascia in balia delle proprie fantasie, comprese quelle piĂč distruttive e autodistruttive. La smaterializzazione dei corpi e della sessualitĂ  minaccia direttamente i meccanismi dell’attaccamento e della comunicazione fisica che costituiscono la base materiale dell’eros. C’ù, perĂČ, un ulteriore meccanismo che da anni sta erodendo l’amore alle sue fondamenta: l’avanzare incontenibile della bruttezza in tutte le sue forme.

đ—œđ—»đ˜đ—Čđ—»đ—±đ—Œ đ—¶ đ—°đ—Œđ—żđ—œđ—¶ đ—±đ—Čđ—łđ—Œđ—żđ—șđ—¶, đ—Žđ—Œđ—»đ—łđ—¶đ—źđ˜đ—¶ đ—°đ—Œđ—șđ—Č đ—œđ—Œđ—čđ—čđ—¶ đ—±đ—¶ 𝗼đ—čđ—čđ—Č𝘃𝗼đ—șđ—Čđ—»đ˜đ—Œ đ—Č đ—°đ—Œđ—œđ—Čđ—żđ˜đ—¶ đ—±đ—¶ đ˜đ—źđ˜đ˜‚đ—źđ—Žđ—Žđ—¶; la musica oscena cantata nelle chiese e la liturgia sempre piĂč sciatta; le regie teatrali grottesche; le poltrone in similpelle e i mobili in stile; i maglioni di cashmere rigenerato; le architetture degli edifici pubblici e i banchi a rotelle; i jeans lacerati sulle ginocchia e gli sneakers; i pomodori privi di sapore e il sushi dei supermercati; la volgaritĂ  delle espressioni di uso comune e dei titoli della stampa; gli esperti di cucina e i turisti che affollano gli aeroporti.


𝗖𝗱𝗡𝗖𝗟𝗹𝗩𝗜𝗱𝗡𝗜 đ—©đ—Œđ—żđ—żđ—Čđ—¶ đ—°đ—Œđ—» đ˜đ˜‚đ˜đ˜đ—Œ đ—¶đ—č đ—°đ˜‚đ—Œđ—żđ—Č 𝘁đ—Č𝗿đ—șđ—¶đ—»đ—źđ—żđ—Č đ—°đ—Œđ—» đ—Ÿđ˜‚đ—źđ—čđ—°đ—”đ—Č đ—œđ—źđ—żđ—Œđ—č𝗼 đ—±đ—¶ đ˜€đ—œđ—Čđ—żđ—źđ—»đ˜‡đ—ź đ—Œ, đ—°đ—Œđ—șđ—Č 𝘂𝘀𝗼𝘃𝗼 đ˜‚đ—»đ—ź đ˜ƒđ—Œđ—č𝘁𝗼, đ—°đ—Œđ—» đ˜‚đ—»đ—ź đ—œđ—źđ—żđ—Čđ—»đ—Čđ˜€đ—¶. Non ho, perĂČ, esortazioni da fare, e le uniche parole di speranza che mi vengono alla mente sono quelle che Enea, lasciando Troia in fiamme, rivolse ai compagni: 𝘜𝘯𝘱 đ˜Žđ˜ąđ˜­đ˜¶đ˜Ž đ˜·đ˜Șđ˜€đ˜”đ˜Ș𝘮, đ˜Żđ˜¶đ˜­đ˜­đ˜ąđ˜ź đ˜Žđ˜±đ˜Šđ˜łđ˜ąđ˜łđ˜Š đ˜Žđ˜ąđ˜­đ˜¶đ˜”đ˜Šđ˜ź (Una sola salvezza resta ai vinti, non sperare nella salvezza) (Eneide, II, 354). Non disprezzatele, perĂČ: se ci pensate bene, capirete che sono le piĂč belle parole di speranza mai pronunciate.


𝘈 đ˜šđ˜ąđ˜Żđ˜„đ˜łđ˜° 𝘎đ˜Șđ˜Żđ˜„đ˜łđ˜°, in memoriam

551 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

ZUCCHE VUOTE

ComentĂĄrios


bottom of page